Il “Canto da legare” di cento ragazzi dedicato a Franco Basaglia

Per il 19° anno torna Cantamaggio, laboratorio teatrale di tre giorni per cento ragazzi fra i 14 e i 30 anni, al Magazzino Verde di Medicina (Bologna).
L’appuntamento con la performance gratuita è per il 1 maggio alle 16.00 al Parco delle Mondine di Medicina, per celebrare Franco Basaglia e Marco Cavallo, installazione-simbolo della legge 180/1978 per la chiusura dei manicomi.

Dal 29 aprile al 1 maggio 2017 torna Cantamaggio, il laboratorio teatrale residenziale organizzato da La Baracca – Testoni Ragazzi  che ogni anno raduna a Medicina cento giovani tra i 14 e i 30 anni. Le ragazze e i ragazzi, provenienti da Nicaragua, Francia, Spagna e diverse parti d’Italia, condivideranno per tre giornate un’esperienza artistica collettiva, riflettendo con gli strumenti del teatro su un tema di rilievo sociale.

Il titolo della diciannovesima edizione di Cantamaggio è “Canto da legare”, dedicato a Franco Basaglia.
Un atto teatrale collettivo, spinto dalla bora, che racconterà l’esperienza rivoluzionaria di Marco Cavallo, il grande cavallo azzurro realizzato nel 1973 all’interno del manicomio di Trieste e diventato icona della lotta etica, sociale, medica e politica a favore della legge sulla chiusura dei manicomi.

Cantamaggio è parte delle attività di Medicinateatro ed è organizzato da La Baracca – Testoni Ragazzi in collaborazione con il Comune di Medicina.

LA PERFORMANCE
Domenica 1 maggio alle 16.00, al Parco delle Mondine di Medicina, sarà presentata una performance teatrale pubblica a ingresso libero. Un atto teatrale poetico per raccontare la libertà e la dignità finalmente riconosciute alle persone con disturbi psichiatrici. Un’azione performativa per ricordare Franco Basaglia, psichiatra e neurologo italiano che portò all’approvazione della legge 180/78, conosciuta anche con il suo nome.

GLI APPUNTAMENTI DI SABATO 29 APRILE
Oltre alla performance, Cantamaggio offre appuntamenti a ingresso gratuito anche sabato 29 aprile.
Si parte alle ore 21.00 da piazza Garibaldi con una parata dei giovani performer capeggiata da Marco Cavallo, che attraverserà la città fino al Magazzino Verde.

Qui, alle 21.30, verrà proiettato il documentario “Il viaggio di Marco Cavallo” di Erika Rossi e Giuseppe Tedeschi (Italia, 2014, 51′). Un film  per ripercorrere la storia del grande cavallo di cartapesta, dal corteo del 25 febbraio 1973 che guidò gli internati fuori dalle mura dell’Ospedale psichiatrico di San Giovanni a Trieste fino alle manifestazioni per la riorganizzazione degli OPG, ospedali psichiatrici giudiziari.

Al termine della proiezione interverranno Peppe Dell’Acqua e Franco Rotelli, psichiatri dell’equipe di Franco Basaglia che negli anni ’70 parteciparono al movimento di cambiamento e chiusura dei manicomi, proprio a partire dall’esperienza triestina.


I GRUPPI PARTECIPANTI DALL’ESTERO
Ogni anno tanti gruppi di ragazze e ragazzi giungono da tutta Italia per partecipare ai tre giorni del Cantamaggio. Per l’edizione 2017 è forte anche la presenza di gruppi dall’estero, con ragazze e ragazzi provenienti da Nicaragua, Francia e Spagna.

Da Chinandega, Nicaragua, arrivano i  giovani di Cajovo – Asociación Casa del Joven Voluntario. Il gruppo collabora dal 2014 con La Baracca – Testoni Ragazzi grazie a GVC – Gruppo di Volontariato Civile, organizzazione non governativa laica e indipendente fondata a Bologna nel 1971.

Una collaborazione artistica e di formazione nata all’interno di “Arte e cultura per i diritti dei bambini”, progetto di cooperazione internazionale finanziato da DEVCO, Direzione Generale per la Cooperazione e lo Sviluppo Internazionale della Commissione Europea. Il progetto ha come obiettivo l’empowerment delle giovani generazioni attraverso la conoscenza e la pratiche di diverse forma artistiche, intese come strumento di advocacy ed espressione dei diritti politici e di cittadinanza.

I ragazzi del Collège Berthelot di Tolosa, Francia, parteciperanno al Cantamaggio all’interno del progetto di scambio fra le municipalità di Bologna e Tolosa che coinvolge La Baracca – Testoni Ragazzi e Laura Magni, autrice e attrice italiana residente in Francia nata artisticamente al Teatro delle Briciole di Parma.

Infine, per il quarto anno consecutivo, tornano le studentesse e gli studenti dell’Università Autonoma di Madrid guidati Jorge Balbás Arguijo, professore di teorie e pratica teatrale dell’ateneo spagnolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *